Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

6 post con perle di coltura - la storia

Perle famose - Perle celebri - Storia delle perle - Perle

Pubblicato il da Netperla

Perle famose – perle celebri – storia delle perle – le perle nella storia – perle

 

 

Perle Famose

 

Le perle sono tra le più antiche gemme del mondo, e da quando furono scoperte, sono rimaste le gemme più apprezzate e agognate al mondo. Nel passare del tempo, solo poche perle che sono state scoperte occasionalmente spiccano tra tutte queste rare gemme. Molte di queste perle famose, alcune delle quali datano di migliaia di anni, vengono ancora ammirate oggi. Queste perle hanno lasciato un segno indelebile nella ricca storia delle perle.

 

 

La perla Abernathy

Questa perla naturale di acqua dolce della misura di 44 grani,  è la più perfetta perla mai scoperta nelle acque dei fiumi della Scozia. Una perla naturale di 44 grani è una rara scoperta, e ancor più raro è trovare una perla di 44 grani della qualità della perla Abernathy. Questo famoso esemplare è soprannominato  "The Little Willie Pearl".

La perla Abernathy fu scoperta nel fiume Tay nel 1967 da un professionista pescatore di perle di nome Bill Abernathy. La perla fu trovata in un mollusco comune nel fiume Tay.

Gli scozzesi hanno per secoli setacciato i loro fiumi alla ricerca di perle preziose. Perle di acqua dolce venivano trovate in abbondanza fino a quando la Rivoluzione Industriale non inquinò i corsi d'acqua causando la devastazione della popolazione dei molluschi produttori di perle. La perla Abernathy fu sfoggiata per quasi 30 anni in una gioielleria nella città di Cairncross fino a che fu venduta per una somma che non fu mai rivelata nel 1992.

 

La perla Arco Valley

 

Si dice che sia stata data a Khubilai Khan, l'imperatore della Cina, da Marco Polo, la perla Arco Valley è una perla barocca che misura 575 carati, o 2301 grani, (78 x 41 x 35 mm) ed è una perla bianca con riflessi rosa e marroni.

 

La perla Big Pink

Stimata nel 1991 a 4.7 milioni di dollari, la perla Big Pink è iscritta nel libro dei Guiness World Records essendo la più grande perla Abalone naturale mai trovata. Questa gemma barocca misura 470 carati.

Il presunto proprietario di questa gemma è Wesley Rankin, che trovò la perla mentre si immergeva  nel California's Salt Point State Park in Petaluma California, nel 1990.

 

La perla Gogibus

Questa perla a forma di pera fu la più grande perla scoperta agli inizi del XVII secolo al largo delle coste delle Indie Ovest. La gemma misura la bellezza di 126 carats. Si dice che il re Filippo IV acquistò questa perla da un mercante di nome Gogibus che indossava la perla come un bottone per il suo mantello nel 1620.

 

 

La perla Hope

 

Più probabilmente la più grande e più famosa perla naturale di acqua salata mai scoperta, la perla Hope, è una gemma sbalorditiva. La perla misura 1800 grani (450 carati), o approssimativamente 4 once! La perla Hope è una perla bianca a forma di goccia che varia di colore da oro verdastro da una parte a bianca dall'altra parte.

Attualmente si trova al British Museum of Natural History, la perla Hope fu una volta di proprietà di Henry Philip Hope, il proprietario del diamante Hope.

 

La perla Huerfana (dallo spagnolo: L'orfana)

 

La perla Huerfana fu una delle più splendide gemme dei Gioielli della Corona Spagnola. È noto che  questa grande perla non fu scoperta in un'ostrica, ma fu trovata in una conchiglia nel Golfo di Panama. La Huerfana fu una perla notevole per la sua forma perfetta, grande dimensione, e lustro brillante, e fu una volta appartenuta a Doña Isabel de Bobadilla, la prima donna governatore a Cuba. La perla Huerfana fu data per distrutta nell'incendio del palazzo Spagnolo nel XVIII secolo.

 

 

La perla Carlo I

Una perla famosa, ora persa, distrutta o nascosta da un discreto collezionista, fu la perla del re Carlo I. L'artista Anthony van Dyck (1599-1641) dipinse diversi ritratti del re, molti dei quali mostrano  una grande perla a goccia pendere dal suo orecchio sinistro. Nel ritratto, Carlo I, Re di Inghilterra da tre Angoli, 1636, ora esposto al Castello Windsor nel Regno Unito, si vede una chiara rappresentazione di questa grande perla. Re Carlo I fu giustiziato nel 1649 e siccome la perla era così tanto agognata, si disse che non appena la sua testa cadde dal suo corpo, orde di testimoni  si buttarono per rubare la preziosa gemma.

 

La perla Carlo II

Come il suo predecessore, il re Carlo II possedeva una notevole perla. Riportata come molto simile alla perla La Peregrina, la perla Carlo II  fu data al monarca da Don Pedro de Aponte, Conde Del Palmer, un nativo delle isole Canarie.
Questa perla d'eccezione, che faceva più di 130 grani, fu trovata nel 1961 (più di 100 anni dopo la simile perla La Peregrina), e si dice che sia stata distrutta in un incendio nel 1734  – un regno breve per una perla così regale.

 

La perla Jomon

La perla Jomon è la più antica perla al mondo. Questa perla si dice che dati più di 5500 anni, ed è menzionata dopo un periodo della storia giapponese chiamato Era Jomon che va dal 10,000-300 A.C.  Nonostante non ci sono scritti di questa epoca, la datazione è stata dedotta attraverso molti artefatti recuperati nel sito in cui fu trovata.

 

La perla Gresham

Una perla la cui fama fu raccolta in niente meno che la sua distruzione per la regina Elisabetta fu nota come la perla Gresham. Durante il regno della regina Elisabetta, il principe mercante noto come Thomas Gresham era ritenuto possessore di una grande perla naturale stimata 15000 sterline.  In un brindisi con la sua regina, per stupire l'ambasciatore spagnolo, si dice che Sir Thomas Gresham sputò la perla e la ingoiò con un bicchiere di vino. Questo fu fatto per vincere una scommessa con gli Spagnoli per provare che lui avrebbe potuto partecipare al più caro banchetto per la regina. Siccome la storia non ci dà una piena descrizione della perla, l'estimazione appare eccessiva se si confronta con altre perle dell'epoca. Questa storia è  story is totalmente simile a  quella di Cleopatra e Marcantonio.

 

La Peregrina

Nota una volta come la perla Filippo II, La Peregrina, (da non confondere con La Pellegrina) fu una volta la più famosa perla di questo tempo. Dalla grande dimensione di 203.8 grani, La Peregrina fu resa celebre non solo per la sua grande dimensione, ma anche per la sua perfetta forma a pera, e per il colore bianco brillante.

La Peregrina fu trovata al largo della costa di Panama nel XVI° secolo e fu prontamente consegnata al re Filippo II di Spagna che presentò la gemma alla sua novella sposa, la regina Maria di Spagna. La gemma appartenne in seguito alla regina Margherita e a Giuseppina Bonaparte, prima che il marchese britannico Marquis di Abercorn la acquistasse.

Nel 1969, La Peregrina fu acquistata dall'attore Richard Burton per soli 37000 dollari, come regalo per sua moglie, Elizabeth Taylor. Elizabeth Taylor, un'amante delle perle e catalizzatore della popolarità delle perle di Tahiti, possiede ancora oggi La Peregrina.

 

La Pellegrina

La storia ufficiale della perla ‘La Pellegrina’  non calma la pretesa dei Francesi che la perla facesse originariamente parte dei gioielli della corona Francese. Gli archivi storici della perla “La Pellegrina” semplicemente danno una descrizione della perla simile a quella della perla “La Reine De Pearls”, e afferma che la perla di acqua salata fu trovata al largo della costa dell'America del sud. Una volta parte dei gioielli della corona Spagnola, La Pellegrina fu portata in Russia dalle Indie nel  XVIII° secolo, e fu denominata come la perla Zozima. Siccome le vere storie delle perle ”La Reine De Pearls” e “La Pellegrina“ non saranno probabilmente mai provate,  questo continuerà ad essere un mistero nella storia delle perle.

La Pellegrina sparì per numerosi anni, discretamente nascosta da un collezionista, per riemergere e per essere messa all'asta alla casa d'aste Christie nel 1987. La perla fu veneduta per 463800 dollari.

 

La Reine De Pearls

Questa grande perla rotonda da 27.5 carati fu una volta parte dei gioielli della corona Francese. Fu elencata nell'inventario dei gioielli della corona nel 1791  con una stima sbalorditiva di 200000 franchi. E' stata acquistata per 40000 sterline da un commerciante di gemme nel 1961. La perla viene descritta come “auna perla vergine, perfetta, rotonda, e di acqua fine.” La maggior parte dei gioielli della corona Francese furono rubati nel 1792, e i ladri fuggirono con una perla che molti credettero essere la ‘La Reine De Pearl’. Si crede anche che questa perla fu anche posseduta dai fratelli Zozima (gioiellieri dello Zar di Russia), che rinominarono la perla in ‘La Pellegrina’.

 

Perle di Coltura Netperla

 

Perle barocche

 

Perle di Tahiti

 

Gioielli di perle di coltura

Condividi post

Repost0

La perla, le sue leggende e le sue virtù

Pubblicato il da Netperla

La perla, le sue leggende e le sue virtù

LA PERLA , simbolo, leggende e virtù.

(Interpretazione libera dell'articolo "LE PIERRES DU ZODIAQUE" di Sylvie Tribut pubblicato in data 08-07-2009)

La perla è un simbolo lunare, legato all'acqua e alla donna :

Nata dalle acque o nata dalla luna, trovata in una conchiglia, la perla rappresenta il principio Yin : essa è il simbolo essenziale della femminilità creatrice. Il simbolismo sessuale della conchiglia  comunica tutte le forze in cui è coinvolta. Lidentificazione della perla con il feto le conferisce delle proprietà riproduttive ed ostetriche.
E da questo triplo simbolismo, Luna-Acqua-Donna, derivano tutte le proprietà magiche della perle : medicinali, ginecologiche e funerarie.
A titolo d’esempio, la perla viene utilizzata, in India, come panacea : essa è considerata essere  ottima per le emorragie, l'itterizia, la follia, l’avvelenamento, le malattie degli occhi, la tisi, etc.… In Europa, veniva utilizzata in medecina per trattare la malinconia, l'epilessia, la demenza… Presso i Greci, era l’emblema dell’amore e del matrimonio.

In Oriente, le sue proprietà afrodisiache, per la fecondazione e come talismani, primeggiavano sulle altre. Come esempio di proprietà funerarie, le perle venivano depositate nelle tombe, perché si riteneva che rigenerassero il defunto e lo accompagnassero in un ritmo cosmico, che presupponeva, all’imagine delle fasi della luna, la nascita, la vita, la morte, la rinascita.

La terapeutica indù moderna utilizza la polvere di perle per le sue proprietà rinvigorenti e afrodisiache. In certe province dell’India, vengono riempite di perle le bocche dei morti; lo stesso costume si ritrova anche al Borneo.
Quanto agli Indiani d'America, Streeter scrive che come veniva fatto in Egitto ai tempi di Cleopatra, anche in Florida  le tombe dei Re indiani erano ornate di perle.

I soldati di Soto scoprirono,  in uno dei grandi templi, delle bare di legno dove giacevano, imbalsamati, dei morti, e vicino ad essi c'erano dei cestini riempiti di perle. Delle usanze analoghe sono state segnalate, in particolare in Virginia e in Messico.

Lo stesso simbolismo ricopre l'uso di perle artificiali. Nei sacrifici e nelle cerimonie funebri del Laos, Madeleine Colani precisa che : « I morti sono coperti di perle per la via celeste. Se ne mettono dentro gli orfizi naturali dei cadaveri. Ai nostri giorni, i morti sono sepolti con delle cinture, dei cappelli e degli abiti ornati di perle ».

In Cina, la medecina utilizzava unicamente la perla vergine, non perforata, che si riteneva guarisse tutte le malattie degli occhi. La medicina araba riconosce alla perla delle virtù identiche. Con i Cristiani e gli Gnostici, il simbolismo della perla si arricchisce e si complica, senza tuttavia mai deviare dalla sua prima orientazione.

Efrem il Siro utilizza questo mito antico per illustrare sia l’Immacolata Concezione che la nascita spirituale di Cristo nel battesimo del fuoco. Origene riprende l’identificazione di Cristo con la perla. Egli è seguito da numerosi autori. Negli scritti di Tommaso, celebre scritto agnostico, la ricerca della perla simboleggia il dramma spirituale della caduta dell’uomo e della sua salvezza. Essa finisce per dare un significato al mistero del trascendente reso sensibile, la manifestazione di Dio nel Cosmo.
La perla gioca un ruolo di centro mistico. Essa simbolizza la sublimazione degli istinti, la spiritualizzazione della materia, la transfigurazione degli elementi, il termine brillante dell'evoluzione. Essa fa pensare all'uomo sferico di Platone, immagine della perfezione ideale delle origini e della fine dell’uomo. Il musulmano rappresenta l’eletto al Paradiso come rinchiuso in una perla in compagnia della sua Houri. La perla è l’attributo dell’angelica perfezione, di una perfezione tuttavia, non regalata, ma acquisita tramite una trasmutazione.

La perle è rara, pura, preziosa :

Pura perché è reputata senza difetti, per le perle bianche, e per il fatto che essere estratta da un acqua fangosa, o da una conchiglia, non la altera. Preziosa, essa rappresenta il Regno dei Cieli nel vangelo di Matteo. Bisogna intendere che si puo' acquisire da questa perla vendendo ogni suo bene, come lo insegna Diadoco di Fotice, la luce intellettuale nel cuore, la visione beatificatrice. Noi ritroviamo qui la nozione di perla nascosta nella sua conchiglia : come quella della verità, della conoscenza, per cui la sua acquisizione necessita uno sforzo.
 Per Shabestari, la perla è la scienza del cuore : quando lo gnostico ha trovato la perla, il compito della sua vita è assolto. Il Principe d’Oriente degli scritti di Tommaso ricerca la perla come Parsifal ricerca il Graal.

Questa perla preziosa, una volta ottenuta, non deve essere gettata davanti ai porci, come evoca ancora San Matteo : la conoscenza non deve essere data inconsideratamente a chi non ne è degno. Il simbolo è la perla del linguaggio, nascosta sotto la conchiglia delle parole.
La perla nasce, secondo la leggenda, per effetto del lampo, o per la caduta di una goccia di rugiada nella conchiglia. Nel XVII° secolo, René François scriveva : « La madreperla è cinta dai cieli e vive solo di nettare celeste, per dare alla luce la perla argentata, pallida o giallastra, a condizione che il sole ci dia del suo e che la rugiada sia più pura ». In tutti i casi ne è la traccia dell’attività celeste e l’embrione di una nascita, corporale o spirituale, come il centro bindu nella conchiglia, la perla-Afrodite nella sua conchiglia.

La nascita di Venere – Botticelli - Museo degli Uffizi - Firenze :

I miti persiani associano la perla alla manifestazione primordiale. La perla nella sua conchiglia è come il genio nella notte. L’ostrica contenente la perla è sempre più diffusamente confrontata all'organo genitale femminile.

Associata per natura all’elemento Acqua, i draghi la tengono nel fondo degli abissi, la perla è anche legata alla Luna. L’Atharvaveda dice che la perla è la figlia di Soma, che è la luna, cosi anche un elisir d’immortalità.
Nella Cina antica, si osserva una mutazione delle perle e degli animali acquatici, in parallelo alle fasi della luna. Le perle luminose, le ninfee Escarboucle, prestavano il loro splendore alla luna; esse proteggevano dal fuoco. Ma esse sono alla volta acqua e fuoco, immagine dello spirito nascente nella materia.
La perla di Veda, figlia di Soma, si ritiene che protegga la vita. Essa è, anche in Cina, simbolo d’immortalità. L'abito ornato di perle o le perle introdotte negli orfizi dei cadaveri impediscono la loro decomposizione. Cosi come accade per la giada o l'oro.

Bisogna notare che la perla nasce allo stesso modo della giada, possiede gli stessi poteri e serve agli stessi usi.

Simbolo di un ordine analogo: quelle delle perle infilate su un filo. È il rosario, il sutratma, la catena dei mondi, penetrati e collegati da Atma, lo Spirito universale. Cosi la collana di perle simbolizza l’unità cosmica multipla, l'integrazione degli elementi dissociati di un essere nell'unità della persona, la messa in relazione spirituale di due o più esseri; ma la collana spezzata è l’immagine della persona disintegrata, dell’universo sconvolto, dell’unità stremata.


In Oriente, e soprattutto in Persia, la perla ha in generale un carattere nobile derivato dalla sua sacralità. Per questo essa orna la corona dei re. Ritroviamo delle tracce di questo stesso carattere nelle parure di perle, specialmente negli orecchini, ornati di perle rare e preziose : qualche cosa di questa sacra nobiltà ricade su colui che le porta.

Nel simbolismo orientale dei sogni, la perla conserva le sue caratteristiche particolari e si interpreta generalmente come il fanciullo o ancora la donna e la concubina. E ancora si identifica con la scienza e la ricchezza.
Da notare ancora che le dodici pietre della Gerusalemme celeste costituivano i dodici fondamenti « Le dodici porte sono dodici perle ; ciascuna porta è di una sola perla ».
Sul piano fisico, la perla è una concrezione globulosa o sferica, prodotta da certi molluschi, che hanno ricoperto di madreperla in strati successivi un corpo estraneo. La sua apparenza brillante può prendere tutti i colori : bianco, argentato, beige, rosato etc, in una moltitudine di colori e di riflessi sui colori. Così, la perla evoca sempre qualche cosa di prezioso, di raro, di notevole, senza difetti.

 

Le Virtù della Perla :

Vengono accordate certe virtù alla perla, in particolare essa preserva colui che la porta e gli permette di sviluppare una stabilità di umore. Essa infonde anche la forza di guarirsi da soli. Così come la pietra della luna, essa favorisce la liberazione del blocco emozionale situato nell'addome. Essa dà agli uomini le qualità femminili quali la tenerezza, la sensibilità, l’intuizione. Sul piano spirituale, essa favorisce il lavoro su di sé allo scopo di rinforzare la lealtà, l’autenticità. Sul piano fisico, essa agisce sugli organi della digestione e la circolazione dei fluidi.

Le Perle nella Storia :

Le prime perle conosciute sono legate all' uomo di Neanderthal. Esse sono state ritrovate a La Quina, un sito in Francia, nel dipartimento della Charente, che data di 38 000 anni circa avanti Cristo. Questi sono dei denti e delle ossa di animali, incisi e portati come pendenti.
In seguito, le perle fabbricate dall'Homo Sapiens non apparvero in gran numero prima del primo periodo del Paleolitico superiore dell’Europa occidentale, il Castelperroniano  (verso il 31 000 a.C.).

Uno dei più antichi depositi di perle è stato trovato nella Grotta della renna ad Arcy-sur-Cure in Francia, datato 31 000 a.C.. : dei denti di volpe, di iene, di lupo, di renna, di orso e di marmotta sono stati incisi per essere sospesi insieme in collane. Delle perle fatte di conchiglie fossili sono state trovate su una serie di suoli d'occupazione di un rifugio sotto roccia calcarea detto “abri pataud”,  nel sud Ovest della Francia. Datano tra 30 000 e 19 500 anni avanti Cristo.
Un artigianato sempre più  evoluto si sviluppò durante il periodo Gravettiano dell’aurignaziano (30 000-18 000 a.C.), più o meno contemporaneo alle prime pitture e incisioni rupestri d’Europa. Alla fine del Paleolitico superiore (517 000-10 000 a.C.), la forma delle perle, così come la loro disposizione e gestione, divenne più complessa.

La perla è unica per la sua bellezza rivelata senza l'aiuto dell'Uomo: né taglio, né levigazione ! Secondo la leggenda indù, Krishna l’avrebbe raccolta nel fondo dell'oceano per ornare sua figlia nel giorno delle sue nozze. E 2300 anni prima dell'era cristiana, i Cinesi accettavano le perle come pagamento delle tasse… Il più antico gioiello con perle  è stato ritrovato a Suza, in Iran, durante le perquisizioni effettuate nel 1901: una collana di tre fili che conta 216 perle che ornava il collo di una principessa Achemenide, addormentata  nel suo sarcofago già quattro secoli avanti Cristo.
Nel 1515, l’esploratore Balboa scoprì nel Golfo di Panama una perla da 200 grani (50 carati), battezzata “Peregrina”, talmente eccezionale da ornare la corona reale spagnola.  Dopo esser passata tra le mani di Giuseppe Bonaparte, Ortensia di Beauharnais, Luigi Napoleone e la Marchesa di Abercorn, essa fu messa all'asta, nel 1969, presso la casa d'aste Sotheby’s dove fu acquistata da Liz Taylor che la lasciò malauguratamente alla portata del suo cane che in un movimento infelice.... la divorò ! Poi la restituì per le vie naturali non senza averla un po' danneggiata!

La perla di coltura :

Le perle sono state a lungo considerate come delle pietre preziose, la cui origine fu spesso attribuita ad una goccia di rugiada solidificata. Da molto tempo, i Cinesi sapevano che il mantello dei molluschi secerneva la nacre della loro conchiglia, e si trova così, dal XII° secolo, dei Buddah di madreperla risultanti dal rivestimento, perpetuato per alcuni anni, di un modello di piombo o stagno introdotto tra la conchiglia e il mantello di un mollusco di acqua dolce.

Nei dintorni di Kobe, Mikimoto mise a punto la tecnica dell'allevamento in cesti sospesi a delle corde, e utilizzò un metodo di innesto nel mantello al fine di far secernere madreperla in strati  intorno al nucleo di nacre. Questa tecnica era stata ispirata dalle ricerche intraprese precedentemente dal suo defunto genero. Mikimoto commercializzò le sue prime perle di coltura negli Stati Uniti, organizzando con genio i suoi allevamenti di perle.

I segreti della tecnica della coltura furono ben protetti, nonostante la curiosità americana, e le coltivazioni perlifere non poterono dunque insediarsi fuori dal Giappone se non con la presenza di operatori giapponesi esperti nella tecnica di innesto.

In seguito al lavoro di uno dei fratelli Fujita, si è sviluppata dal 1960 una coltura di perle in acqua dolce, l'innesto viene introdotto senza granello di nacre nel mantello del mollusco, e si sviluppa una perla di coltura il più delle volte ovale o barocca, e solo raramente rotonda, larga e irregolare al centro; ogni mollusco può ricevere fino a venti innesti per valva, ovvero quaranta innesti in totale(in generale, solamente da 10 a 15 innesti per valva vengono introdotti per non sottomettere il mollusco a uno sforzo troppo grande).

Dopo una crescita e uno sviluppo per almeno due anni, le perle di coltura vengono estratte con molta cura dal mollusco, facendo attenzione a non ferirlo troppo; questo potrà così produrre una seconda generazione di perle e alle volte anche una terza.

Le perle di coltura di acqua dolce hanno spesso delle forme barocche, ammaccate, in grano di riso, ma, sempre più spesso, si trovano quasi perfettamente sferiche, facendo concorrenza in bellezza, e soprattutto nel prezzo, alle perle di acqua di mare.

Dalla fine degli anni 70, una coltura di perle in acqua dolce si è fortemente sviluppata sul modello della coltura di perle del lago Biwa; le perle di coltura sono anche commercializzate mediante l'intermediario dei Giapponesi. La Cina è divenuta dal 1990 il principale produttore di perle di coltura a impianto organico, e spesso di forma quasi rotonda.


Le perle possono essere coltivate dappertutto ma certi paesi ne hanno fatto una propria specializzazione. Davanti al crescente successo delle perle di coltura e grazie ad un incremento del commercio mondiale, sempre più paesi si lanciano con più o meno successo e ritrovano le tradizioni della coltura delle perle: Filippine, Vietnam, Indonesia, Birmania, etc.…

La Perla nella Pittura :

“La Ragazza con l'orecchino di perla” è conservato al Mauritshuis dell'Aia (Olanda). Viene nominato anche « La Gioconda del Nord ». Questa tela sarebbe stata dipinta intorno al 1665, da JanVermeer, in effetti non è datata. Non si conosce nemmeno chi sia all'origine dell'opera né per chi sia stata realizzata. Tuttavia è firmata IVMeer e si differenzia totalmente dalle altre tele di Vermeer, particolarmente per il fatto che la ragazza guarda dall'alto della sua spalla, cosa che fa pensare che la persona che lei guardava non era altro che il pittore stesso.

Vermeer ha lavorato con degli elementi cromatici semplici e qualche glacis dello stesso pigmento per esprimere le ombre. Il turbante, melange d’oltremare e di bianco, è sormontato da un tessuto giallo splendente ; l'abito modellato con un ocra più chiaro fa risaltare il bianco del collo che si  riflette nella perla. L'arte utilizzata per la pelle è un glacis fine, di color carne, con un sotto-modello trasparente.


André Malraux, sulla perla dell'orecchino, sottolineava la semplificazione magistrale che ne fa un  « sassolino traslucido ». Siamo sempre nel mondo acquatico e lunare del Cancro.

Quanto al Mauristhuis, si tratta di un piccolo museo, antico e tranquillo, quadro perfetto per questa Ragazza dall'orecchino di perla.  I giorni di inverno, capita che non ci sia alcun visitatore nella sala dove la tela è esposta. Fuori le strade sono silenziose; la luce che cade dal basso cielo è quella che Vermeer ha conosciuto. E in mezzo a tutte le opere ricercate del XVII° secolo che la circondano, la ragazza emerge in una macchia di colore chiaro e ilumina la sala, come amava evocare Hans Koning, scrittore e giornalista olandese.
Esistono altre tele meno celebri del quadro di Vermeer in cui la perla illumina la tela. Si tratta del ritratto di Maria Antonietta con i suoi bambini, ad opera di Elisabeth Vigée Le Brun (1787), e del ritratto della Duchessa di Brunswyck ad opera del pittore inglese Thomas Fraye (1761-1762) e sopra tutti quello di Sophie Septimanie, contessa Pignatelli, dipinto nel 1763 da  Alexandre Roslin. Nel 2006, questa tela lasciava il castello di Dampierre-en-Yvelines per il Minneapolis Institute of Arts.

La Perla nella la Letteratura :

La Perla è associata ad un Gallo nella celebre fiaba di La Fontaine, “Le Coq et la Perle” che il pittore Philibert Léon Couturier ha raffigurato in diversi quadri, dei quali uno si trova al museo Denon a Chalon-sur-Saône. Sul quadro si vede un gallo che tiene nel becco una perla appesa ad un pezzetto di catenina che ha trovato in un panno in terra dietro di lui.

E ancora segnaliamo « La Perla », un romanzo americano di John Steinbeck pubblicato nel 1947. Narra la storia di Kino, un povero pescatore indiano che vive con sua moglie e il figlioletto nella città di  La Paz, sul le Golfo del Messico. Suo figlio Coyotito viene punto da uno scorpione; Kino e sua moglie Juana pescano una perla la cui vendita li aiuterà a pagare il medico, ma il medico è razzista e non ama curare i “piccoli indiani”, comme li chiama lui. Kino, furioso, desidera malgrado tutto salvare il suo bambino. A tal fine, decide di andare a pescare delle perle e, quando riemerge in superficie, si rende conto che la perla che ha appena pescato è enorme, è “La Perla del Mondo” della quale parlano tutte le leggende sui pescatori. Da questo istante la sua vita cambia completamente. Mentre rode di cupidigia, di diffidenza e d'invidia, sua moglie, dal canto suo, perde fiducia e fa di tutto per disfarsi della perla. Sopraggiungono diverse disgrazie, poiché la popolazione vuole strappare la perla dalle mani di Kino. Egli decide allora di andarsene con sua moglie e suo figlio,  al di là della montagna, nella speranza di vendere la perla a Loreta, la città della Vergine. Si rendono conto rapidamente che sono inseguiti e cercano invano di seminare gli inseguitori. Dopo avere nascosto la sua famiglia, Kino riesce ad attaccare gli inseguitori a sorpresa uccidendone due. Sfortunatamente, un colpo sparato da uno degli inseguitori (che a priori, credeva di mirare ad un animale) raggiunge Coyotito alla testa. Infine, la coppia rientra al villaggio e Kino, disperato per la perdita del loro figlio, ributta la perle in mare, dove essa ritrova il suo posto.

Steinbeck si è ispirato ad una fiaba tradizionale messicana. Come la maggior parte dei suoi romanzi,  La Perla analizza gli effetti della povertà e della ricchezza, sviluppando soprattutto la corruzione che può derivare dalla ricchezza, ed evocando le pesche capitali. Dipinge inoltre la condizione dei pescatori di perle e i pericoli del loro mestiere.

Più vicino a noi, Juliette Benzoni è l’autrice di un romanzo storico, « La Perla dell’Imperatore » che narra la storia della celebre perla « La Regente » che Napoleone I offrì alla sua seconda moglie Maria-Luisa. Da qui l'autrice racconta che questo bel gioiello non a cessato di fare versare sangue, causando danni e disgrazie ai suoi differenti proprietari.

Bibliografia :
Dictionnaire des simbolos – Jean Chevalier et Alain Gheerbrant – Collection Bouquins chez Robert Laffont/Jupiter 
Le Grand Livre de la Magie des Pierres – S. Da Ros – Editions Trajectoire.
LA PERLE… UNE PETITE CONCRESSION LUNAIRE
(08 - LES PIERRES DU ZODIAQUE) par sylvie Tribut le 08-07-2009
 
Netperla.com è il vostro specialista di gioielli in perle di coltura su internet dal 2005 (Netperles.com Francia dal 2002) :

Pendenti perle coltivate

Orecchini di perle di Tahiti

Collane perle Akoya

Gioielli perle di Tahiti

Perle nere di Tahiti
 
Mail: informazioni@netperla.com


NETPERLA

50 avenue du Montjoli
 BP 10044
 06113 Le Cannet Cedex

FRANCIA

Servizio di Segreteria Telefonica Netperla Italia : Tel.(+39) 02 320620888

Direzione commerciale Netperla: 0033 6 28362130


  

 

Condividi post

Repost0

La raccolta e la cernita delle perle di coltura

Pubblicato il da Netperla

Source: Bijoux en perles de culture

Gioielli di perle di coltura - La raccolta e la cernita delle perle

Come vengono immesse sul mercato le perle di coltura :

Processo di coltura, di cernita, di montaggio delle perle per essere utilizzate nei Gioielli.

  Le perle di coltura di acqua salata non potranno mai essere un prodotto di massa, poiché i capricci di Madre Natura sono imprevedibili e non lo permettono.

Milioni di ostriche perlifere vengono nucleate ogni anno (La
nucleazione è l'innesto di un nucleo nel mollusco),  ma solo una minoranza di molluschi potranno vivere e produrre delle perle di qualità.
Molte ostriche non sopravvivono al processo di nucleazione, altre ne escono indebolite e sono preda di malattie. Forti piogge e inondazioni provocano il mescolarsi di acqua salata e acqua dolce, che riduce drasticamente la salinità dell'acqua, essenziale per l'allevamento dei molluschi e per la loro buona salute, e tutti questi avvenimenti sono fatali per le ostriche.

   


A volte, certe specie di
fitoplancton hanno una crescita esplosiva che provoca la temibile «marea rossa» che esaurisce l'ossigeno nell'acqua e soffoca le ostriche.
Altri pericoli per le ostriche sono costituiti dai tifoni, dagli attacchi dei predatori, da parassiti, dalla mancanza di nutrimento nell'acqua e dall'inquinamento.

In media, solo il 50% delle ostriche nucleate sopravviveranno e produrranno perle, e solo il 20% di questo 50% produrranno perle di qualità da poter essere commercializzate. Il resto della raccolta è semplicemente troppo imperfetto per essere montato in
Gioielli.

Di conseguenza si comprende come una perla di qualità è veramente una perla rara, benedetta dalla natura. Meno del 5% del rendimento delle ostriche nucleate è di forma perfettamente rotonda, con un lustro e un colore degno d'essere considerato come una gemma. Questi sono i tesori preziosi della perla di coltura.

   mabe.jpg

 

Dopo la raccolta, nella fase di cernita le perle di qualità vengono selezionate e classificate.
Poiché non ci sono mai due perle assolutamente identiche, la cernita delle perle è un compito estremamente difficile e lungo che viene eseguito solamente da persone con mani e occhi esperti.
Ogni perla deve essere classificata per dimensione, forma, colore e bagliore, ogni perla viene manipolata così centinaia di volte.

  tri-perle.jpg

   

Dopo la fase di cernita, le perle vengono forate (la foratura delle perle permette di passare il filo di seta per annodarle e montarle in collane) con molta cura e precisione. Forare una perla è un'operazione molto delicata che se fatta da mani non esperte e con strumenti non appropriati può deteriorare irrimediabilmente la perla. Una perla su cui è stato fatto un foro anche solo leggermente fuori dal centro può rovinare una
collana o un altro gioiello poiché la simmetria è fondamentale nell'assemblaggio delle perle in gioielleria.

   Culture-perle.jpg

 

L'ultima fase dopo la foratura è il montaggio dei gioielli, per cui bisogna selezionare le perle che possano abbinarsi insieme in armonia per la creazione di un gioiello, quindi creare degli insiemi selezionando al meglio le caratteristiche delle perle per ogni gruppo, e infine annodare i fili di seta con un nodo ad ogni perla. Questo può essere ancora più complicato della cernita, perché gli esperti devono ora confrontare le perle in ogni categoria e classificarle con più precisione per dimensione, forma, e confrontarne il lustro e il colore dei riflessi, e cercare con attenzione delle corrispondenze esatte per formare un gioiello perfetto.

  Perle-Australie-copie-1.jpg

   

L'arte di assemblare le perle per comporre una collana, un paio di orecchini o altri gioielli raffinati richiede delle competenze adeguate. Solo degli specialisti nel campo altamente qualificati con anni d'esperienza possono eseguire questo compito.

Per trovare 47 perle perfettamente omogenee per comporre una collana di perle Akoya di 40 cm, l'esperto deve comparare più di 10.000 perle.

Netperla è il votro specialista di gioielleria di perle di coltura su Internet.

Potrete trovare :

- Collane di Perle di Tahiti
-
Collane di perle di Acqua Dolce
-
Collane di perle nere

- Gioielli di perle coltivate

 

Netperla :
Tel: 02 320620888 - 06 99369791
Mail:
informazioni@netperla.com

 


Netperla : Sito Web Negozio Online:
http://www.netperla.com
Netperla: per la Vendita all'Ingrosso potete contattare
ingrosso@netperla.com

 

 

Gioielli perle di coltura

 

Condividi post

Repost0

Perle di coltura - L'origine contestata delle perle

Pubblicato il da Netperla

L'origine contestata delle perle di coltura

Da dove apprendiamo che la perla di coltura è un'invenzione australiana.
Dos O'Sullivan

Fonte di informazione : Austasia Aquaculture: 12(4), agosto/settembre 1998


Secondo questa fonte, la prima persona a scoprire il segreto della produzione di una perla di coltura   da parte di un'ostrica non fu affatto il celebre Mikimoto ma un impiegato di servizio della pesca in Australia, William Saville Kent, nel 1890. John Saltmarsh, figura dell'industria perliera di Queensland da più di 15 anni, mette in chiaro questo malinteso della storia.
Uno dei perlicoltori più conosciuti nel Queensland è John Saltmarsh, la cui impresa familiare Roko Pearls opera nello Stretto di Torres da più di 15 anni. In una recente conferenza, John Saltmarsh ha sorpreso molti dei suoi spettatori sottolineando che la prima persona a produrre perle di coltura non fu Mikimoto, ma bensì un agente dei servizi della pesca d'Australia, nel 1890.
L'ostrica perlifera viene sfruttata in Australia da molto tempo.

Da oltre un secolo, le ostriche perlifere delle acque che bagnano le coste Nord dell'Australia, sono state sfruttate per la loro madreperla. La scoperta di una perla naturale era all'epoca considerata come un profitto inatteso nell'ambito della raccolta della madreperla o nacre. Così, le ostriche perliere  vengono spesso battezzate "nacre". Durante la Seconda Guerra mondiale, la filiera della madreperla è riuscita a sopravvivere a scapito di severe perturbazioni, senza tuttavia mai rimettersi interamente a causa dell'arrivo della plastica nella fabbricazione dei bottoni. Dalla fine del secolo precedente, pochi si sforzarono di coltivare le ostriche perlifere.  G. S. Streeter di Broome è conosciuto per avere coltivato, negli anni 1890, delle semiperle a Roebuck Bay, eseguendo dei piccoli fori nella conchiglia delle ostriche vive e inserendovi delle piccole particelle sferiche di nacre, formando un nucleo.

È nel 1956 che la perlicoltura vede realmente il giorno, con la creazione di un allevamento appartenente a Pearls Proprietary Ltd, un consorzio australo-japonaise di Kuri Bay, a 420 km a nord di Broome, in Australia occidentale. Dal 1973, Kuri Bay è reputata di produrre quasi il 60% delle più belle perle rotonde, semiperle e perle barocche del mondo. Oggi, la perlicoltura è l'industria di acquacoltura australiana più importante; essa rappresenta ogni anno da 200 a 250 milioni di dollari australiani. La principale specie coltivata è la Pinctada maxima, l'ostrica dalle labbra dorate, a nord-ovest dell'Australia occidentale (al primo capo attorno a Broome), sulla penisola di Coburg e nella regione di Darwin e di Bynoe Harbour (Territorio del Nord), e infine nella parte nord del Queensland, essenzialmente nella regione dello stretto di Torres. I sommozzatori raccolgono sui fondali marini le ostriche perlifere selvagge, nel quadro di un sistema  che previene il sovrasfruttamento della specie.

La cultura tradizionale su zattere continua ad essere utilizzata in certe parti dello stato del Queensland; tuttavia, la maggior parte dei perlicoltori utilizzano palamiti di superficie o immersi. La coltura nel fondale perdura in alcune zone. Dei pannelli di griglie di plastica trattengono le ostriche perlifere in sacche individuali, cosa che facilita la loro pulizia periodica con getti d'acqua ad alta pressione, a partire da imbarcazioni annesse.

"Tutti considerano che il celebre Mikimoto fu il primo a scoprire il segreto che l'uomo cercava da sempre, e cioè il modo di indurre un'ostrica perlifera a produrre una perla", racconta John Saltmarsh a Austasia Aquaculture. "Si è narrata spesso la storia del giovane figlio del fabbricante di tagliatelle giapponesi il cui sogno era quello di rendere le perle accessibili alle donne normali di tutto il mondo, e questo ancora di recente in un documentario, The Mystique of the Pearls. Mikimoto fu senza alcun dubbio un gigante dell'industria dei nostri tempi... ma non è lui l'inventore della  perlicoltura."Secondo John Saltmarsh, Mikimoto ha senza dubbio aperto più di chiunque altro la strada all'industria perliera, ma non ha scoperto il segreto della perla."Nel 1907, altri due giapponesi depongono, indipendentemente l'uno dall'altro, un brevetto concernente la produzione di una perla sferica in un'ostrica perliera. Il primo, M. T. Mise, è carpentiere in un villaggio; il secondo, il Dottor Nishikawa, è biologo. Uno vive sull'isola settentrionale del Giappone, l'altro sull'isola meridionale."

La coincidenza è già strana, poiché i due uomini non si conoscono, e non si sono mai incontrati. Eppure, a una settimana di intervallo, entrambi depongono una domanda di brevetto relativo alla produzione di perle di coltura sferiche. In entrambi i casi, il metodo è lo stesso. Secondo John Saltmarsh, è Mikimoto che, in seguito, rende celebre la procedura, ma il brevetto tratto dai principi e dal metodo fu attribuito al Dottor Nishikawa, che ne condivise la proprietà con  M. Mise.
Come il Dottor Nishikawa e M. Mise scoprirono il segreto della fabbricazione delle perle ? La risposta ci porta in Australia.

La paternità del procedimento ritorna all' Australia.

La fine degli anni 1800 in Australia del Nord è segnata dalla presenza della grande flottiglia perliera giapponese, la flottiglia del mare d'Arafura. Secondo John Saltmarsh, sono più di 400 barche giapponesi che operano nelle acque dello stretto di Torres, con fino a 2 000 giapponesi insediati a Thursday Island.
La madreperla è una merce di grande valore sui mercati mondiali dominati dai giapponesi.
"L'intendente per la pesca del Queensland è all'epoca William Saville Kent", racconta John Saltmarsh. "Le perle lo affascinano. Studia il metodo di coltura delle semiperle utilizzate dai cinesi che, da molto tempo, producono dei modellini di madreperla del Buddah. Nella conchiglia di un'ostrica perlifera di acqua dolce, inseriscono un minusculo Buddah di rame sotto il mantello, contro l'interno della conchiglia, prima di fissarlo ad un pezzetto di filo che esce da un foro. È questo stesso metodo utilizzato ugualmente da G. S. Streeter."
"William Saville Kent migliora il procedimento incollando il nucleo all'interno della conchiglia grazie ad un adesivo di resina riscaldata. È ad Albany Passage, vicino a Thursday Island, che stabilisce la prima produzione di Perle di coltura Australiane. Le sue semiperle raggiungono un prezzo elevato e  fa per  anni esperimenti per ottenere perle rotonde. Nel 1890, produce con successo una perla di coltura veramente sferica."
Sicuramente non realizza il valore del frutto dei suoi sforzi, poiché egli rende partecipe del suo metodo chiunque sembra interessarsene. Egli promette di pubblicarne la descrizione, intravedendo forse qualche prospettiva commerciale, ma senza mai farlo. Alla sua morte, nel 1906, l'allevamento di Albany viene venduto, il suo metodo e il suo procedimento tecnico anche.
Il Dott. Alvin Seale riporta nel luglio 1910, nel Journal of Science, che l'australiano che ha acquisito l'allevamento sperimentale di William Saville Kent è riuscito a coltivare delle perle sferiche secondo il metodo appreso nella sperimentazione. "Ma questo signore deve avere cessato di interessarsene poiché non si sente più parlare dell'allevamento di Albany", precisa John Saltmarsh.
Ma torniamo al Dott. Nishikawa et à M. Mise : questi hanno avuto qualcosa in comune. Tanto il suocero di M. Mise che viveva con lui, che il Dott. Nishikawa erano impiegati nella flottiglia perliera del mare di Arafura a Thursday Island, all'epoca in cui William Saville Kent non smetteva di parlare del suo metodo di coltura di perle rotonde.
Nel 1968, Joan Young Dickinson è la prima a rendere pubblica questa incredibile coincidenza. Nella sua opera The Book of Pearls, scrive: "Sembra che, verso la fine del XIX° secolo o all'inizio del XX°, un produttore di ostriche australiane sconosciuto scopre il buon metodo... e trasmette il suo segreto senza volerlo a due giovani brillanti giapponesi".
Le perle dei mari del sud allevate in Australia occupano il primo posto in un mercato fruttuoso e molto specializzato; è dunque buono a sapersi che c'è un australiano all'origine del procedimento di produzione.

--------------------------------------------------------------------------------
Bibliografia
I paragrafi sulla produzione e la storia dell'industria perliera in Australia sono estratti da una comunicazione di David (Dos) O'Sullivan, Rick Scoones, Derek Cropp et Owen Bunter, intitolata "The Old and the New of Australian Pearl Production", presentata alla conferenza World Aquaculture '98 che si è tenuta a Las Vegas, negli Stati Uniti d'America, dal 15 al 19 febbraio 1998.

Visto su lamaisondelaperle.be

 

Netperla è il vostro specialista in perle di coltura su Internet, vi troverete:
  
  Pendenti in perle di Tahiti
 Orecchini in perle di Tahiti
  Collane di Perle di Tahiti
  E tutti i gioielli di perle di Tahiti  in catalogo o anche su misura
 

  Ma anche:


  
  Dei gioielli in perle coltivate  come:
  Collane in perle di acqua dolce  tra le più belle raccolte
 Collane di perle Akoya  di qualità alta gamma
  Collane di perle Australiane , le favolose perle bianche dai riflessi argentati o dorati dai riflessi del sole.

Condividi post

Repost0

Collane di perle di Tahiti

Pubblicato il da Netperla

Le Collane di perle di coltura di Tahiti


 Abbiamo notato che alcuni venditori (il più delle volte sono dei venditori stranieri) fanno giochi di parole. Presentano delle collane di perle di acqua dolce con il titolo "Tahiti" giocando sul fatto che si tratta del colore "Tahiti"...poiché stanno parlando di perle nere. Bisogna sapere che ci sono delle perle che provengono dalla Cina, dette anche perle di acqua dolce, che sono delle perle nere MA CHE NON SONO ASSOLUTAMENTE DELLE PERLE DI TAHITI.

Il lustro, la bellezza e i colori delle perle rare e sublimi di Tahiti non saranno mai comparabili alle perle di acqua dolce, che hanno certamente il loro fascino, ma non hanno lo stesso valore nè quell'oriente incomparabile. Non lasciatevi ingannare, rivolgetevi piuttosto a uno specialista di perle di coltura che saprà consigliarvi e col quale vi sentire tranquilli di acquistare in sicurezza il vostro gioiello. Un venditore professionale vi consegnerà le perle con un certificato di autenticità ed una fattura a vostro nome. Su Netperla.com saremo felici di consigliarvi e aiutarvi nella vostra scelta, un gioiello di perle   è un acquisto di tutta una vita (e anche di più).. Acquistate le vostre perle presso un professionista che vi garantisce la qualità, la provenienza, il lustro, l'oriente delle vostre perle. Se avete delle domande, Netperla  è a vostra disposizione. Buona accoglienza garantita!

Nella foto una collana in perle di Tahiti :


Collane di perle di Tahiti

Condividi post

Repost0

Perle di coltura - Perle naturali

Pubblicato il da Netperla

Le perle sono stimate per la loro bellezza e rarità da più di quattro
mila anni.

Dalla Cina, dall'India e dall'Egitto, alla Roma imperiale, al mondo
arabo, alle tribù, alle culture indigene americane e ovunque in tutto il
mondo e in tutta la storia documentata, gli uomini hanno apprezzato
queste gemme uniche ancor più di ogni altra pietra o gemma.

La perla è l'unica gemma che nasce e si sviluppa all'interno di un
organismo vivente. Alcune perle si formano nelle ostriche o molluschi,
quando una sostanza estranea (il più delle volte un parassita - non un
granello di sabbia), si introduce nel guscio del mollusco, penetrando
nel tessuto molle del mantello, e insediandosi verso l'alto delle
cellule epiteliali. In reazione all'irritazione, le cellule epiteliali
fanno come una sacca (nota come sacca perlifera), che secerne una
sostanza cristallina chiamata nacre o madreperla, la stessa sostanza che
compone l'interno del guscio di un'ostrica; la nacre si accumula in
strati sovrapposti intorno all'irritante, formando la perla.

Ci sono circa 8.000 diverse specie di molluschi (molluschi bivalvi), di
cui solo circa 20 tipi sono in grado di produrre perle.



Le perle naturali, o perle fini, sono sempre state estremamente rare e preziose.
Dal momento che gli strati di madreperla tendono a ricoprire l'irritante
conservandone la forma irregolare originale, le perle naturali, o perle
fini, di forma rotonda o sferica sono rarissime, e quindi sono molto
ricercate. La maggior parte delle perle fini sono perle di forma
irregolare. Solo una piccolissima percentuale tra le ostriche produrrà
una perla.

Tra le perle che sono prodotte, solo poche si svilupperanno ad una certa
dimensione, ad una certa forma, e con un colore adatto per poter creare
un gioiello, e solo una piccola parte di queste perle saranno raccolte
dagli esseri umani. Si ritiene generalmente che solamente un'ostrica su
diecimila produrrà naturalmente una perla di qualità gemma degna dei più
bei gioielli di perle. Ovviamente, se ci basassimo soltanto sulla
natura, il possesso di perle sarebbe ancora riservato solo per le
persone più ricche del mondo, e l'ostrica che produce perle sarebbe sul
punto di estinguersi a causa delle troppe raccolte.

Poiché le perle sono considerate come delle gemme da una gran parte
della popolazione mondiale, e questo vale da migliaia di anni, questo
interesse ha portato allo sviluppo delle perle coltivate o perle di coltura.

Verso la fine del XIX° secolo e l'inizio del XX° secolo, tuttavia,
alcuni ricercatori giapponesi hanno scoperto un metodo per indurre delle
ostriche in allevamento a produrre perle così come succede in natura. In
sostanza, la tecnica prevede l'innesto di una sostanza estranea, o
nucleo, nel tessuto delle ostriche o dei molluschi, e rimmergendo le
ostriche o i molluschi in mare, permettendo così di sviluppare una perla
naturalmente. Questa pratica era già diffusa per le perle Mabe.

Kokichi Mikimoto perfezionò la tecnica per stimolare artificialmente lo
sviluppo di perle rotonde nelle ostriche Akoya, ricevendo un brevetto
per questa tecnologia nel 1916.

Sebbene brevettata nel 1916, questa tecnica da allora è stata
migliorata e intensamente utilizzata in tutto il mondo e non è più
utilizzata soltanto per le perle Akoya, ma anche per le
perle di acqua dolce, o perle di fiume, e per perle nere di Tahiti e le
perle Australiane dei mari del sud.



La scoperta di Mikimoto ha aperto le porte ad una importante attività
industriale delle perle, grazie alla quale le
perle potevano essere coltivate come una coltura agricola, molto più che
semplicemente pescate. Le perle coltivate sono oggi prodotte in quantità
tale che chiunque può averne. Il business delle perle coltivate ha oggi
superato di gran lunga quello delle perle fini. Anche se esiste sempre
un mercato delle perle raccolte casualmente durante la pesca, diventa
sempre più difficile trovare queste perle, che vengono vendute all'asta
per centinaia di migliaia di dollari. Oggi, acquistare una collana di
perle in qualsiasi negozio nel mondo significa acquistare una collana di
perle coltivate.

Netperla è il vostro specialista in perle di coltura su Internet, vi troverete:
  
  Pendenti in perle di Tahiti
 Orecchini in perle di Tahiti
  Collane di Perle di Tahiti
  E tutti i gioielli di perle di Tahiti  in catalogo o anche su misura
  
  Ma anche:
  
  Dei gioielli in perle coltivate  come:
  Collane in perle di acqua dolce  tra le più belle raccolte
 Collane di perle Akoya  di qualità alta gamma
  Collane di perle Australiane , le favolose perle bianche dai riflessi argentati o dorati dai riflessi del sole.
  
  Netperla, BP 10044
  06113 Le Cannet (France)
  Tel. (+39) 06 99369791
  
   Fax: (+33) 04 92 94 87 56

Siete residenti in Svizzera o vorreste recapitare dei doni in perle ai vostri cari in Svizzera?
Netperla ha pensato anche a Voi, e ha messo a disposizione il nuovo sito www.netperles.ch <http://www.netperles.ch>  di Vendita di perle di coltura in Svizzera,  in 4 lingue , dove i prezzi sono esposti in Franchi Svizzeri e la TVA non è applicata per le consegne in Svizzera.
Visitate   http://www.netperles.ch" o scrivete a contact@netperles.ch

 

Perle di coltura - Kokichi Mikimoto

Condividi post

Repost0