Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

3 post con pescatori di perle fini - naturali

LE LEGGENDE DELLA PERLA DI ALLAH O PERLA DI LAO-TZU

Pubblicato il da Netperla

La perla di Allah o perla di Lao Tzu


Milioni di dollari, di omicidi, di false informazioni, di viaggi attraverso vasti oceani e di battaglie legali. Tutto questo è legato a quello che alcuni chiamano la perla più brutta del mondo.

La sua storia è complessa e ingiusta, con alterne vicende, come le pieghe innumerevoli sulla superficie della perla barocca di quasi 7 chili (la più grande perla del mondo), e come gli eventi che circondano la famosa perla di Allah.

Dal giorno della sua scoperta, la perla di Allah, altrimenti conosciuta anche sotto il nome della Perla di Lao Tzu (o Perla di Lao Tzu o Lao Tse) era sfuggita alla sua reputazione di simbolo di pace e di armonia, ed era invece stata al centro di numerose circostanze sospette. Tuttavia, questa perla enorme era anche al centro di molte leggende, delle guerre antiche del West americano, ma la vera storia della perla rimane evasiva.

La storia della perla è fatta di tante contraddizioni, gli esperti e gli appassionati di perle hanno cominciato a riflettere ai fatti e alle finzioni che stanno dietro a questo tesoro straordinario.

 

La storia:

 

La prima versione delle sue origini ha luogo nel 1934 sulla costa di Palawan, un'isola delle Filippine, dove si dice che un giovane subacqueo musulmano venne trovato morto dopo essere stato strangolato da un mollusco gigante chiamato tricdacna vongola gigas. Dopo che i subacquei ebbero recuperato la vongola e la vittima, il leader di indigeni Dayak  dichiaròche la perla si sarebbe chiamata la "Perla di Allah", perché la forma di questa enorme roccia assomigliava a  Maometto con il turbante.

Secondo Wilburn Cobb, un archeologo di San Francisco, la perla gli sarebbe stata data nel 1936, dopo che il figlio del capo degli indigeni Dayak fu guarito dalla malaria grazie ai suoi consigli. Wilburn Cobb portò la perla a New York nel 1939 e fu allora autenticata come vera perla di tridacna da Roy Waldo Miner, curatore del Museo Americano di storia naturale e invertebrati dell'epoca. In una lettera, Roy Waldo Miner descrisse come la perla pesava quasi 7 chili e misurava 23 centimetri di lunghezza.


Al contrario delle perle perfettamente rotonde con riflessi madreperlati, che si possono vedere nelle gioiellerie, questa perla era di forma irregolare, con una superficie tortuosa e sembrava un po' come un cervello, di colore bianco opaco. Roy Waldo Miner precis
ò che, poiché i tassi di crescita non sono noti per vongole giganti, non si poteva conoscere l'età esatta di questa perla.

 

Cobb raccontòla storia della scoperta della perla nel numero di novembre 1939 della rivista del museo di storia naturale. Esibì anche la perla nella collezione di Robert Ripley "Ripley Believe it or not" (al Museo dell' incredibile e inusuale), dove  fu esposta come la perla del più grande mondo. Un valore di 3,5 milioni di dollari fu poi attribuito alla perla all'esposizione del museo di Ripley.

Poi la perla sembra essere scomparsa per i successivi 30 anni, fino a quando Cobb scrisse un'altra storia su di essa nel bollettino di febbraio 1969 della Mensa ( Associazione internazionale  di cui possono essere membri le persone che abbiano raggiunto o superato il 98º percentile del QI o Quoziente di Intelligenza).

L'introduzione a questo articolo dichiarava che se la Mensa potesse sponsorizzare una vendita per 3,5 milioni di dollari, questa otterrebbe una quota dei fondi sotto forma di onorario del 5% del valore stimato, cioè di 175.000 dollari. Anche se la vendita non fu conclusa, l'articolo raccontava una storia molto diversa da quella scritta 30 anni prima. Così è nata la nuova storia della leggendaria perla di Lao Tzu.



Una storia fantastica.

 

In questo nuovo articolo, Cobb disse che mentre la perla veniva esposta presso il Museo di Ripley nel 1939, il cinese Lee si presentò da Ripley reclamando la perla dandola come la perla perduta di Lao Tzu. Lee raccontò di nuovo l'antica leggenda cinese della perla a Cobb: Prima della morte di Lao Tzu 2500 anni prima, quest'ultimo insegnòa un discepolo come impiantare un amuleto di giada, scolpito con i volti di Buddha, Confucio e di se stesso, in una conchiglia di vongola per produrre una perla.


I pensieri di Lao Tzu cercavano di dimostrare che se le tre facce degli antichi saggi potevano convivere in pace nella vongola, allora tutta l'umanità poteva vivere in pace. Egli disse ai suoi discepoli di tenere al sicuro l'amuleto nella vongola per quattro anni. Questo avrebbe portato pace e armonia nel mondo.

Ma invece i discepoli avrebbero trasferito l'amuleto, diventato una perla, in altre vongole sempre più grandi e quindi la perla sarebbe cresciuta sempre di più.

Cobb scrisse che Lee gli aveva detto che la perla fu causa di guerre e che nel 1750, la perla fu inviata al di fuori della Cina come misura di protezione.

La perla sarebbe quindi stata trasportata, dentro la vongola, su una barca, e quindi persa in una tempesta al largo dell'isola di Palawan, fino a quando un subacqueo la ritrovò(il giovane musulmano Dayak), ancora dentro la vongola, nel 1934.

Cobb aggiunse che Lee disse che era la stessa perla e che era disposto ad offrire 3,5 milioni dollari per acquistare la perla, ma Cobb rifiutò l'offerta, e Lee lasciòRipley e nessuno lo rivide più.

 

Quando Cobb è morto nel 1980, la perla è stata venduta a Peter Hoffman e a Victor Barbish per 200.000 dollari. Questa transazione è l'ultima offerta che si conosca sulla perla. Michael Steenrod, un gemmologo di Colorado Springs che ha valutato la perla 60 milioni di dollari e ha paragonato la perla ad un oggetto sacro, avrebbe detto "E 'incredibile che abbiamo lasciato andare la perla per soli 200 000 dollari dopo che il suo proprietario è morto”.

 '
La prossima volta vi racconteremo la vera storia della perla di Allah e perché questa storia è un mito.

Perle-Allah-copia-1.png


Nel frattempo, se amate i gioielli in perle di coltura, visitate Netperla, perle di coltura Akoya, perle di acqua dolce, perle di Tahiti e perle Australiane. Perle coltivate in approvvigionaento diretto dalle coltivazioni. Consultate i nostri cataloghi di collane di perle, braccialetti e orecchini di perle, pendenti e anelli di perle di coltura.

 clicca qui per leggere la prima parte della storia Perla di Allah

Condividi post

Repost0

Molluschi produttori di perle

Pubblicato il da Netperla

 

Molluschi produttori di perle (Ostriche produttrici di perle)

I molluschi rappresentano una delle prime forme al mondo di vita animale, e datano indietro oltre 550 milioni di anni. I molluschi produttori di perle apparirono 530 milioni di anni fa, quando i molluschi sviluppavano le conchiglie. Le scoperte scientifiche sui molluschi produttori di perle illustrano il valore intrinseco e innegabile della gemma organica più apprezzata storicamente.

Classificazione scientifica dei molluschi produttori di perle

I molluschi comprendono il secondo più grande phylum del regno animale (ci sono approssimativamente 128.000 diverse specie). Il phylum (gruppo tassonomico gerarchicamente inferiore al regno e superiore alla classe) è suddiviso in sue subphyla, dei quali uno solo contiene delle specie che producono perle. I Conchiferi sono un subphylum del phylum dei molluschi che producono perle. In questa discussione, un mollusco che produce perle è un mollusco che produrrà perle di qualità da gioielleria.

 

 

Quali sono i molluschi che producono perle?

Sebbene tutti i molluschi del subphylum dei Conchiferi possano produrre formazioni che simili alle perle, la maggior parte di essi non sono molluschi produttori di perle. Di fatto è la quarta classe del phylum Mollusca bivalia ad essere la più importante per la formazione di perle.  Un'altra nota  classe che produce perle è quella dei Gastropodi (seconda classe) e Cefalopodi (quinta classe). Come risulta dalla classificazione scientifica del sistema sviluppato da Carl Von Linne nel 1758, ad ogni specie di mollusco viene dato un nome latino in due parti: il genere e la specie. Qualche volta una terza parte del nome descrive una sotto-specie, che può rappresentare delle differenze regionali di una specie di mollusco produttore di perle. Sebbene la conchiglia di un mollusco sia importante per l'identificazione di esso e sia critica per la formazione della perla, è di fatto lo spazio interno del corpo molle (mantello) del mollusco che scientificamente definisce la specie.

 

 

L' Evoluzione dei molluschi produttori di perle

La figura sottostante illustra l'albero evolutivo per il Phyluù Mollusca. Non tutti i molluschi produttori di perle appartengono ad una singola famiglia o gruppo. I produttori di perle sono distribuiti attraverso l'albero evolutivo. Le caselle che sono ombreggiate indicano classi di Conchifera che mostrano la produzione della perla composta di madreperla. La madreperla, o nacre, è il tessuto che riveste la conchiglia e crea il lustro unico delle perle.

La presenza molto diffusa di nacre indica uno di due punti:

  • La Nacre è una primitiva caratteristica che è stata persa e ritrovata attraverso la storia evolutiva del mollusco
  • La composizione della nacre è unica entro certi rami, e certe forme di nacre facilitano la produzione della perla

Se quest'ultimo fosse vero, potrebbe spiegare perché certe specie di molluschi producono più perle di altri.

 

 

 

PearlChart-it.gif

I molluschi produttori di perle non sono Ostriche

La maggior parte dei molluschi che producono perle sono bivalve, il che significa che la loro conchiglia hanno due metà connesse da una cerniera, come una vongola. Nonostante ci siano approssimativamente 20.000 specie di molluschi bivalve, solo relativamente poche di queste specie sono utilizzate nella coltivazione delle perle per creare perle da commerciare. Il termine “ostrica perlifera”, comunemente usato nel commercio delle perle, è di fatto incorretto – i molluschi che producono perle non sono ostriche. Seppure le ostriche commestibili possano occasionalmente produrre una perla, queste non hanno alcun significato dal punto di vista commerciale. Inoltre, per la salute dei nostri denti, le perle nelle ostriche commestibili non sono desiderabili. Gli allevamenti commerciali  di banchi di ostriche commestibili sono infatti destinati a chiudere i battenti se persistono a formarsi delle perle al loro interno.

L' Anatomia dei molluschi produttori di perle

L' anatomia di un mollusco bivalva facilita la produzione di perle. A differenza di una lumaca chiusa, o conchiglia gastropoda, una vongola bivalve è aperta e piena di acqua, lasciando più spazio alla perla per formarsi. La maggior parte delle bivalve sono mangiatrici passive del filtro dell'acqua – cioé mantengono una posizione aperta nell'ambiente facendo costantemente circolare acqua al fine di fornire cibo. Questo processo è determinante per la produzione della perla, poiché la maggior parte delle perle naturali si formano come reazione a un parassita o corpo estraneo introdottosi dentro la conchiglia. Il sistema di apertura della struttura bivalve incrementa la probabilità di corpi estranei di introdursi, e la possibilità di una perla naturale di svilupparsi.

I Gastropodi sono ancora altri produttori di perle differenti

In contrasto, i Gastropodi non ricorrono al flusso dell'acqua per il cibo e solo solitamente predatori che deliberatamente raschiano il cibo da scogli o prede. I Gastropodi sono anche mobili e capaci di espellere particelle estranee prima che queste diventino nuclei per le perle, attraverso il movimento. La mobilità è stato un fattore di difficoltà nelle colture delle perle Abalone. Le perle Abalone vengono da larghe, lumache a forma di orecchio, il cui movimento spesso espelle i nuclei innestati. La perle Abalone hanno una bella madreperla blu-verde e un'affascinante iridescenza arcobaleno. A causa delle loro forme irregolari e iridescenza liquida, le perle abalone hanno una nacre che dà una bellezza singolare ad ogni perla.

 

Vendita Online di Gioielli

Condividi post

Repost0

Perle fini - Perle naturali - I pescatori di perle

Pubblicato il da Netperla

Pescatori di perle - Le perle fini - Le perle naturali

Traduzione dell'articolo sulle perles fini pubblicato dal sito di informazioni di France24 :

L’ancestrale pesca delle perle riemerse dal Golfo :image001image003

   
 Per molto tempo trascurata a vantaggio dell'attività lucrativa del petrolio, la pesca delle perle naturali riprende dopo qualche anno i suoi diritti nei paesi del Golfo Persico. Il nostro osservatore del Kuwait ci fa prendere il largo coi suoi pescatori di gioielli.

Storicamente, le migliori perle naturali del mondo provengono dal golfo Persico, e in particolare dall’isola di Bahrain. Le perle di questa regione si caratterizzano per un lustro eccezionale dovuto al mescolarsi dei corsi d'acqua dolce e d'acqua salata presenti nel Golfo.

All'inizio del XX° secolo, la scoperta di enormi giacimenti di petrolio nel Golfo e la concorrenza delle Perle di coltura Giapponesi hanno messo fine a questa attività ancestrale.

Da qualche anno, diversi paesi del Golfo hanno ridato vita a questa pesca tradizionale. Il Qatar celebra questa tradizione durante la settimana culturale che organizza ogni anno. Il Kuwait ha, quanto a lui, creato il comitato del patrimonio marittimo incaricato di riprodurre il percorso tradizionale dei pescatori di perle. E il Bahrain ha vietato l’importazione delle perle di coltura e ha deposto la sua candidatura per iscrivere la pesca delle perle sulla lista del patrimonio mondiale dell’Unesco.

   Foto: Mohammad al-Saleh, nipote di un pescatore di perle e fotografo in Kuwait.

  Il ritorno dei pescatori di perle in Kuwait 
 

"Nel passato, il viaggio dei pescatori di perle durava quattro mesi"
      
Nell'estate 2008, mi sono recato a Ras Salimiya, nei bordi del Golfo Persico, per incontrare i sommozzatori che rientravano dalla pesca alle ostriche. Il comitato del patrimonio marittimo del Kuwait organizza ogni anno un viaggio che dura circa un mese.
Una volta sulla terra ferma, i sommozzatori hanno esposto i loro raccolti mostrando al pubblico le tecniche di apretura delle ostriche. Questa operazione è nota sotto il nome di 'falg almahar' e ha generalmente luogo in mare aperto un po' prima dell'arrivo del 'tawach', il commerciante di perle che stima a bordo la qualità e la dimensione delle perle e negozia il miglior prezzo.

Questa tradizione secolare ha i suoi rituali e la sua terminologia. Nel passato, il viaggio dei pescatori di perle durava quattro mesi. Il giorno della partenza, denominato 'dacha', ed il giorno del ritorno, 'gofal', sono numerose le famiglie dei pescatori sul molo. Ma solo il 'nahham' accompagna i pescatori durante il loro lungo viaggio. Per distrarli, egli intona dei canti di marinai che richiamano le prodezze dei pescatori, i pericoli del mare e la nostalgia dei propri cari e della patria."
 
 Testimonianza di Mohammad al-Saleh, nipote di un pescatore di perle e fotografo in Kuwait.
 
 "Falg almahar" ovvero l'apertura delle ostriche in Qatar
     image006-copia-1.jpg


image007.jpg

 

image009.jpg

 

image011.jpg


 
Foto: Mohammad al-Saleh
 
  Le perle naturali del Bahreïn

    

  image015.jpg

image018.pngimage019.jpgimage021.jpg

Netperla.com è il vostro specialista di gioielli in perle di coltura e in particolare delle sublimi perle  nere di Tahiti :
 
Perle di coltura

Pendenti perle di Tahiti
 
Orecchini Perle di Tahiti
 
Collane Perle Akoya
 
 Gioielli in perle di Tahiti

Perle nere di Tahiti
 
Netperla, vendita online di gioielli di perle : Tel. (+39) 02 320628888, Tel. 0033 6 28362130
 
 Mail: informazioni@netperla.com

Netperles e Interpearls
 BP 10044
 06113 Le Cannet Cedex - FRANCIA

 

 

I pescatori di perle : Moretti Valentina

 

 

Condividi post

Repost0